Come scegliere la propria bicicletta

Come scegliere la propria bicicletta

Andare in bicicletta non è proprio naturale come correre, ma per chi già conosce la magia di tenersi in equilibrio su due ruote potrebbe essere una buona idea per aumentare le possibilità di allenamento aerobico all’aperto, con, tra l’altro, la sicurezza e il vanto di essere totalmente eco-compatibili. Di seguito vediamo alcune indicazioni pratiche e consigli sui parametri più importanti da considerare nella scelta della bicicletta più conforme alle proprie aspettative e necessità. 

Prima di tutto, dovete pensare a dove utilizzarla, che uso farne e, cosa non secondaria, quanto spendere: potreste sorprendervi della differenza di prezzo che esiste tra i vari modelli, siano questi da strada, mountain-bike o bici da corsa. I costi possono andare dai 300-500 euro per una bicicletta da città o da turismo fino a oltre i 5000-6000 euro per le biciclette più sofisticate. Le differenze di prezzo sono ovviamente legate alle tecnologie di costruzione e ai materiali utilizzati, decisamente più leggeri ed evoluti per i modelli da competizione.

La scelta dovrà essere fatta anche in base alla vostra corporatura: il telaio e le regolazioni dell’attrezzo devono essere proporzionati al vostro corpo per permettervi di pedalare nel modo più corretto.Quando arriverete a percorrere diverse centinaia di chilometri al mese, sarà importante tenere conto dell’economia del gesto, di quale inclinazione ha bisogno la vostra gamba per lavorare meglio, di quanto potete flettere in avanti la schiena senza sentire dolore dopo pochi chilometri.

Se volete una bicicletta che rispetti in pieno le vostre proporzioni corporee, dovete rivolgervi a rivenditori specializzati, i quali potranno stabilire le misure del mezzo attraverso tabelle di conversione di alcuni parametri anatomici (tronco, braccia, cavallo, coscia e gamba). Se desiderate il massimo, rivolgetevi ai centri specializzati dotati di analisi computerizzata: vi potranno fornire, oltre alle misure personalizzate del telaio, anche una valutazione statica e dinamica della vostra pedalata. Relativamente più semplice potrebbe essere la scelta della mountain-bike, che prevede di solito cinque taglie standard, stabilite in base alla statura. In ogni caso, nella scelta della vostra bicicletta prendete in considerazione più di ogni altra cosa: 

la distanza dalla sella al manubrio: deve essere tale da permettervi di allungarvi in avanti senza sforzare o curvare eccessivamente la colonna lombare;

la distanza dalla sella ai pedali: è utile per regolare l’angolo del ginocchio per la migliore pedalata. Se avete bisogno di sollevare la sella più di quanto è possibile, significa che il telaio della bicicletta non è adatto a voi: dovete sceglierne uno più grande;

la possibilità di arretramento della sella: è di fondamentale importanza per correggere, seppur in minima parte, la distanza del tronco dal manubrio, migliorando l’atteggiamento della colonna vertebrale e l’aerodinamicità. Ha un ruolo chiave per la regolazione della posizione del bacino e della gamba rispetto ai pedali: permette di avere il ginocchio in posizione corretta per una giusta contrazionedei muscoli glutei e della coscia durante la fase di spinta;

la conformazione della sella: maschi e femmine hanno una diversa conformazione del bacino e degli organi genitali: scegliete quindi una bicicletta con una sella, da donna o da uomo, che si adatti bene alla struttura dei glutei. In genere, le selle da uomo sono leggermente più allungate, mentre quelle da donna presentano la parte posteriore un po’ più larga. Se siete in sovrappeso, scegliete una sella più larga, magari con imbottitura in gel;

la tipologia di copertoni: la scelta dovrà essere fatta in base al terreno su cui vi allenate. I copertoni da strada, per scorrere più facilmente sull’asfalto, sono quasi lisci; quelli da mountain-bike sono invece molto scolpiti, per una maggior aderenza su fondi sterrati. Sono sconsigliati sull’asfalto, sia per il rumore che producono che per il maggior sforzo muscolare richiesto, dovuto al forte attrito dato dai tacchetti del battistrada. Se siete indecisi, provate i pneumatici misti: hanno una buona aderenza e permettono una pedalata agevole.

Un ultimo consiglio: se siete alla vostra prima esperienza con il ciclismo da strada o la mountain-bike, acquistate una bicicletta di media qualità, che vi faccia mantenere entro una spesa sui 300 euro. Spesso l’entusiasmo iniziale per un’attività si dissolve nel giro di pochi mesi, mentre la spesa per l’acquisto di una bicicletta costosa potrebbe accompagnarvi anche per molto tempo! 

POSIZIONE DELLA SELLA

Per regolare l’altezza della sella, basta misurare l’altezza del proprio cavallo da terra quando si è in piedi. Sulla tabella che segue, confrontate il valore ottenuto con quello della prima colonna: il valore riportato a fianco è la distanza che dovete considerare dalla sella al pedale. L’atteggiamento corretto è quello che prevede un angolo di 150°-155° tra la coscia e la tibia. La tabella utilizza il coefficiente indicato da Bernard Hinault. 


CONSIGLI PER LA GUIDA NEL TRAFFICO

Vediamo qui alcuni suggerimenti per muoversi in modo sicuro nel traffico cittadino ed extraurbano.
1 - Attenetevi alle norme del codice della strada e indossate sempre il casco.

2 - Evitate di guidare ascoltando musica in cuffia. 3 Segnalate i vostri spostamenti utilizzando le braccia.

4 - Mantenete la destra, non guidate al centro della carreggiata.

5 - Quando pedalate in gruppo disponetevi in fila, soprattutto nelle strade extraurbane; è permesso circolare affiancati nel caso in cui uno dei due ciclisti abbia meno di 10 anni e pedali alla destra dell’altro. 

6 - Nelle uscite di gruppo, urtare contro la ruota posteriore di chi vi sta davanti è facilissimo. Tenete le mani sempre pronte sui freni.

7 - Fate attenzione ai veicoli che procedono alla vostra sinistra, soprattutto se la strada prevede molte svolte a destra: potreste non accorgervi di una loro improvvisa sterzata.

8 - Mantenetevi a una giusta distanza dalle macchine parcheggiate: l’apertura improvvisa di una portiera potrebbe comportare spiacevoli conseguenze.

9 - Utilizzate un avvisatore acustico e uno specchietto retrovisore per verificare l’arrivo di altri veicoli.

10 - Non guidate mai senza mani! Mantenete le mani sul manubrio con le dita a contatto della levetta del freno.

11 - Evitate di allenarvi quando è buio. Se non potete farne a meno, posizionate un faro a luce bianca nella parte anteriore e un faretto a luce rossa nella parte posteriore della bici; rendetevi visibili il più possibile con giubbetti e pantaloni catarifrangenti.

12 - Attenzione: l’asfalto, quando piove, diventa scivoloso. Attenzione anche ai binari del tram.

13 - Portate con voi indumenti che possano esservi utili in caso di pioggia o di improvvisi cambiamenti climatici.

14 - Programmate una periodica manutenzione dell’attrezzo. 

Un utile link per scegliere la vostra bicicletta da corsa